Highlights
(Lug 05, 2018)
Il capo polizia Franco Gabrielli ha presentato la nuova applicazione per smartphone che consente ai poliziotti, anche liberi dal servizio, di poter contattare direttamente la sala operativa. Read more...
   |    (Mag 18, 2018)
Risulta a questa O.S. che nel territorio nazionale detto cumulo di indennità sia regolarmente riconosciuto al personale in organico a taluni Compartimenti che si trova ad operare in condizioni che vedono coniugate le esigenze di ordine e pubblica sicurezza (nel rispetto di tutte le condizioni necessarie al riconoscimento dell’emolumento) con quelle di vigilanza scalo. Read more...
   |    (Feb 18, 2018)
Il rapporto tra Polizia di Stato e giovani diventa “smart” con “YOU POL”, l’app per segnalare in tempo reale al 113 episodi di bullismo e di spaccio di stupefacenti. Read more...
   |    (Nov 06, 2017)
Forti delle recenti e trascorse esperienze formative sulla comunicazione tenute presso il Centro Studi CISL di Firenze che hanno riscontrato un elevato indice di gradimento tra i partecipanti, come già anticipato per le vie brevi, viene confermato il Seminario formativo che si terrà il 14 novembre 2017. Read more...
   |    (Giu 14, 2017)
Via il sovrapprezzo su sms, chiamate e navigazione sul web. Viaggiare in Europa o stare a casa da questo punto di vista non avrà differenze. Da giovedì 15 giugno sarà così per l’addio ai sovrapprezzi legati al roaming . Read more...
   |   

I poliziotti in servizio presso i COA e le Sottosezioni della Polizia Stradale garantiscono con difficoltà, con la consueta altissima professionalità, la sicurezza nelle principali arterie autostradali del Paese.

 

Alla Segreteria Nazionale SIULP

c.a. Felice ROMANO, Segretario Generale - Roma

Caro Felice, torno a sollevare una questione che sta molto a cuore al nostro sindacato così come ai colleghi in servizio presso i Reparti della Polizia Stradale operanti in ambito autostradale che, oltre a continuare a non percepire con regolarità il compenso spettante dall’indennità autostradale, vedono tale istituto economico fermo ormai da anni al medesimo importo.

L’indennità base percepibile dal collega che svolge servizio in ambito autostradale è di € 2,58 a presenza e cresce rispetto alle tre fasce di anzianità di servizio continuativo in autostrada ovvero 3, 5, 8 anni fino a raggiungere l’importo massimo giornaliero di € 5,16 ovvero le vecchie 10.000 lire previste dall’art. 18 della Legge 07/8/1990, nr.232.

Come noto, l’attenzione viene puntata verso coloro cui compete in via esclusiva la vigilanza ed il controllo della sicurezza della circolazione nonché la prevenzione e la repressione dei reati commessi lungo le arterie autostradali con notevole disagio e grande sacrificio quotidiano a fronte di condizioni lavorative ed economiche tutt’altro che esaltanti.

Il riferimento, pertanto, va in primis ai poliziotti in servizio presso i COA e le Sottosezioni della Polizia Stradale che garantiscono con difficoltà, seppure con la consueta altissima professionalità, la sicurezza nelle principali arterie autostradali del Paese con organici ormai divenuti insufficienti e senza possibilità di turn over.

Non si può fare a meno di rilevare che l’importo massimo definito nel 1990 è diventato anacronistico e soprattutto inadeguato rispetto al qualificato e prezioso servizio che i colleghi forniscono alla collettività come, parliamo chiaramente, soprattutto alla Società Autostrade per l’Italia ed alle sue Controllate.

Il paradosso, però, è che la Legge 232/1990 ha impedito nel tempo qualsiasi, opportuno, aumento dell’importo giornaliero che la Società Autostrade per l’Italia poteva decidere di riconoscere.

Ma grazie al decreto legge 14 agosto 2013, n.93 convertito in legge 15 ottobre 2013, n. 119 e pubblicato in G.U il 15 ottobre 2013 n. 242, all’articolo 6 comma 4 lettera a) questo limite è venuto meno.

Tale indennità “il cui importo giornaliero non potrà, comunque, essere inferiore a quanto stabilito nelle vigenti convenzioni”, può e deve essere aggiornata in sede di rinnovo della convenzione.

La necessità, pertanto, diventa quella di superare definitivamente la vecchia normativa e ridefinire un importo adeguato ai tempi moderni, legando le somme da percepire nel futuro all’adeguamento ISTAT oltre che alla professionalità e specificità del servizio offerto.

Una correzione economica importante e legittima che andrebbe ad incidere su un Ente privato che deve pagare per un servizio qualificato.

La nuova convenzione con Aiscat di futura definizione può essere il momento adatto ad iniziare un nuovo percorso, anche normativo, che permetta il legittimo riconoscimento economico al personale della Polizia Stradale impegnato in tale gravosa ed usurante attività di servizio.

Pertanto, l’invito è quello di formulare un ennesimo sollecito volto quantomeno a regolarizzare il pagamento della indennità cui è cenno, nonché concentrare ogni attività rispetto all’indifferibile intervento di carattere legislativo che favorisca oltre ad una procedura più funzionale di quella della cd. riassegnazione anche una modifica rispetto al tetto imposto di € 5,16 (Lire 10.000) non più sufficiente e sminuente rispetto al prezioso servizio prestato quotidianamente dai colleghi della Polizia Stradale.

Un abbraccio.

Firenze, 04 novembre 2015                          Il Segretario Generale, Francesco REALE

Chi è online

Abbiamo 125 visitatori e nessun utente online

Convenzioni

Convenzioni Siulp

modello 730

futura vacanze

Fondazione Sicurezza e Libertà

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione Cookie