Highlights
(Nov 06, 2017)
Forti delle recenti e trascorse esperienze formative sulla comunicazione tenute presso il Centro Studi CISL di Firenze che hanno riscontrato un elevato indice di gradimento tra i partecipanti, come già anticipato per le vie brevi, viene confermato il Seminario formativo che si terrà il 14 novembre 2017. Read more...
   |    (Giu 14, 2017)
Via il sovrapprezzo su sms, chiamate e navigazione sul web. Viaggiare in Europa o stare a casa da questo punto di vista non avrà differenze. Da giovedì 15 giugno sarà così per l’addio ai sovrapprezzi legati al roaming . Read more...
   |    (Feb 05, 2017)
Le principali novità contenute nel modello REDDITI/2017 e approvato definitivamente il 31 gennaio 2017 con Provvedimento del direttore dell’Agenzia delle Entrate, sono le seguenti: Read more...
   |    (Mar 08, 2016)
Dal 1986 sono diventate oltre 14 mila le poliziotte italiane, impegnate in prima linea nella prevenzione dei reati in genere e nel contrasto alla criminalità comune ed organizzata. Read more...
   |    (Feb 27, 2016)
Finalmente un chiarimento della Direzione Centrale per le Risorse Umane,  ineccepibile nel merito, richiama all'ordine tutti quei dirigenti, autoproclamati filosofi del diritto, che hanno interpretato la normativa nella maniera più sfavorevole al personale. Read more...
   |   

Dal 1986 sono diventate oltre 14 mila le poliziotte italiane, impegnate in prima linea nella prevenzione dei reati in genere e nel contrasto alla criminalità comune ed organizzata.

Una presenza diffusa nel territorio e nelle specialità che ha contribuito non poco all’affermazione di una immagine della Polizia di Stato moderna, aperta al sociale e al servizio della gente.

Sono passati quasi 30 anni, ormai, quando nel settembre 1986 le donne entravano a far parte della Polizia di Stato (dopo l’esperimento ventennale della cd. “Polizia Femminile”) portando nell’Amministrazione il valore aggiunto della loro umanità, sensibilità nonché caparbietà e tenacia.

Si tratta di donne che mettono in essere un impegno straordinario riuscendo, tra l’altro, quotidianamente a conciliare incombenze difficili derivanti da una attività lavorativa molto particolare con le esigenze legate alla vita privata e parliamo di aspetti affettivi e familiari.

A sottolineare l’importante contributo alla sicurezza del Paese cui dà un apporto indispensabile il personale femminile della Polizia di Stato nel giorno della commemorazione dell’8 marzo è Francesco REALE, Segretario Generale del SIULP Toscana.

Occorre, però fare ancora molta strada nella società e all’interno dell’Amministrazione in quanto la posizione della donna in Polizia continua ad essere ancora, in alcuni casi, piuttosto svantaggiata.

La donna è anche mamma e non si possono non considerare gli aspetti sociali della maternità, con tutto quello che può derivare in termini di orari e turni differenziali per poter accudire i figli.   Infatti, se non è facile conciliare il lavoro con le esigenze della vita privata, ancor più impegno viene richiesto per conciliare il ruolo di poliziotto con quello di madre, in modo particolare quando una donna è assegnata a servizi con turni di notte ed orari scomodi per dedicarsi ai figli, al marito ed alla casa.

E i più grossi sacrifici si affrontano proprio per i figli, soprattutto piccoli, considerata la carenza delle strutture pubbliche e la incompletezza della normativa che tutela la maternità.

Una poliziotta italiana è costretta a rientrare in servizio, attivo, a distanza di tre mesi dal parto mentre in altri Paesi, come l’Inghilterra ad esempio, i mesi sono sette!

La lavoratrice di Polizia deve allenarsi ad una vita movimentata ad ostacoli.

Se per alcune donne la differenza di genere non incide sul lavoro ed i rapporti con i colleghi sono ottimi e paritari per altre rappresenta ancora oggi un ostacolo il farsi accettare dai colleghi uomini.  Infatti, per essere al pari dei colleghi succede sovente che la donna debba essere il doppio più brava, sempre in guardia correndo due rischi: il primo quello di essere sottoposta ad un continuo stress ed il secondo di omologarsi al modello maschile perdendo di fatto la propria identità.

In conclusione le donne in Polizia continuano ad essere sottoposte a continui esami e difficoltà su più fronti.

Il SIULP, sempre attento a sollecitare il definitivo e concreto piano di tutela delle pari opportunità per una categoria tra le più preziose e produttive del Paese, coglie questa occasione per un sincero plauso!

Concludendo, un dato è inconfutabile, se oggi la Polizia di Stato ha raggiunto un livello di apprezzamento nella società che la pone al primo posto tra le istituzioni, uno degli elementi che lo ha permesso è la presenza delle donne.

Firenze, 8 marzo 2016            Il Segretario Generale, Francesco REALE      

Chi è online

Abbiamo 52 visitatori e nessun utente online

Convenzioni

Convenzioni Siulp

modello 730

futura vacanze

Fondazione Sicurezza e Libertà

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione Cookie