Highlights
(Feb 18, 2018)
Il rapporto tra Polizia di Stato e giovani diventa “smart” con “YOU POL”, l’app per segnalare in tempo reale al 113 episodi di bullismo e di spaccio di stupefacenti. Read more...
   |    (Nov 06, 2017)
Forti delle recenti e trascorse esperienze formative sulla comunicazione tenute presso il Centro Studi CISL di Firenze che hanno riscontrato un elevato indice di gradimento tra i partecipanti, come già anticipato per le vie brevi, viene confermato il Seminario formativo che si terrà il 14 novembre 2017. Read more...
   |    (Giu 14, 2017)
Via il sovrapprezzo su sms, chiamate e navigazione sul web. Viaggiare in Europa o stare a casa da questo punto di vista non avrà differenze. Da giovedì 15 giugno sarà così per l’addio ai sovrapprezzi legati al roaming . Read more...
   |    (Feb 05, 2017)
Le principali novità contenute nel modello REDDITI/2017 e approvato definitivamente il 31 gennaio 2017 con Provvedimento del direttore dell’Agenzia delle Entrate, sono le seguenti: Read more...
   |    (Mar 08, 2016)
Dal 1986 sono diventate oltre 14 mila le poliziotte italiane, impegnate in prima linea nella prevenzione dei reati in genere e nel contrasto alla criminalità comune ed organizzata. Read more...
   |   

FIRENZE. Una pattuglia ogni cento e più chilometri, organici ridotti all’osso, vetture obsolete (ad eccezione di quelle fornite dalla Società Autostrade), volanti costrette a inseguire chi non paga il pedaggio al casello e a sgombrare l’autostrada dai detriti provocati dagli incidenti, indennità pagate con anni di ritardo.

 

La Polstrada dovrebbe essere l’occhio onnipresente pronto a soccorrere gli automobilisti in difficoltà e a sanzionare pesantemente i conducenti indisciplinati, ma parlare di «tolleranza zero» su strade e autostrade toscane è davvero difficile, dopo la cura dimagrante imposta dai vari governi che si sono succeduti negli ultimi anni.

Ci sono in Toscana dei distaccamenti della Polstrada che hanno gli organici dimezzati, come quello di Viareggio, originariamente destinato alla chiusura, insieme alle sezioni di Portoferraio e di Volterra, ma che sopravvivono a ranghi largamente ridotti e altri che comunque lamentano una carenza di uomini.

Il risultato è che di pattuglie in giro non se ne vedono molte: «Mediamente c’è una pattuglia ogni cento chilometri - afferma Francesco Reale, segretario toscano del Siulp - e il fatto di vedere poche macchine della Polstrada non induce certo alla prudenza gli automobilisti più indisciplinati. Se si continua così, le autostrade toscane rischiano di diventare terra di nessuno».

Il tratto toscano dell’Autosole è presidiato, per ogni turno, da due o tre pattuglie e, considerando la lunghezza e la pericolosità del percorso, non si può certo dire che siano molte. Sulla Collesalvetti-Rosignano mediamente abbiamo una pattuglia a turno e lo stesso sul tratto toscano della Genova-Livorno, mentre sulla Variante Aurelia ce ne sono generalmente due, una tra Livorno e Riotorto e un’altra nella parte meridionale. Le cose vanno meglio sulla Fi-Pi-Li, ma a discapito dei controlli su altre arterie.

La Fi-Pi-Li, infatti, è controllata nei vari tratti, a rotazione, dal personale di diverse sottosezioni e distaccamenti per cui si alternano le auto di Livorno, Pisa, Empoli e perfino di San Marcello. «Il problema è che la coperta è troppo corta - aggiunge Reale - e se la si tira da una parte ci si scopre dall’altra e così, quando la pattuglia della Stradale di San Marcello va sulla Fi-Pi-Li, a presidiare le strade della Montagna pistoiese restano solo carabinieri e vigili urbani».

A causa della carenza di personale addetto alla manutenzione - precisa Reale - in caso di incidente gli agenti sono costretti a prendere paletta e ramazza per ripulire l’asfalto dai detriti in modo da far riprendere più rapidamente il traffico. Un’altra incombenza ai limiti dei compiti d’istituto è quella di inseguire le auto che al casello non pagano il pedaggio».

 Insomma, si rincorrono gli utenti morosi, si spazza l’asfalto, si segue qualche carico eccezionale che ancora non si avvale di una scorta privata, poi ci sono i servizi per agevolare il trasporto di organi, le scorte alle autorità per agevolare il transito in caso di traffico congestionato, e il tempo per controllare gli automobilisti spericolati è sempre minore. Ma le doglianze non finiscono qui: l’indennità che la Società Autostrade paga con regolarità si perdono tra il ministero degli Interni e quello del Tesoro e così gli agenti attendono ancora il pagamento delle spettanze da aprile 2006 ad oggi.

21 agosto 2008

Chi è online

Abbiamo 306 visitatori e nessun utente online

Convenzioni

Convenzioni Siulp

modello 730

futura vacanze

Fondazione Sicurezza e Libertà

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione Cookie