Highlights
(Nov 06, 2017)
Forti delle recenti e trascorse esperienze formative sulla comunicazione tenute presso il Centro Studi CISL di Firenze che hanno riscontrato un elevato indice di gradimento tra i partecipanti, come già anticipato per le vie brevi, viene confermato il Seminario formativo che si terrà il 14 novembre 2017. Read more...
   |    (Giu 14, 2017)
Via il sovrapprezzo su sms, chiamate e navigazione sul web. Viaggiare in Europa o stare a casa da questo punto di vista non avrà differenze. Da giovedì 15 giugno sarà così per l’addio ai sovrapprezzi legati al roaming . Read more...
   |    (Feb 05, 2017)
Le principali novità contenute nel modello REDDITI/2017 e approvato definitivamente il 31 gennaio 2017 con Provvedimento del direttore dell’Agenzia delle Entrate, sono le seguenti: Read more...
   |    (Mar 08, 2016)
Dal 1986 sono diventate oltre 14 mila le poliziotte italiane, impegnate in prima linea nella prevenzione dei reati in genere e nel contrasto alla criminalità comune ed organizzata. Read more...
   |    (Feb 27, 2016)
Finalmente un chiarimento della Direzione Centrale per le Risorse Umane,  ineccepibile nel merito, richiama all'ordine tutti quei dirigenti, autoproclamati filosofi del diritto, che hanno interpretato la normativa nella maniera più sfavorevole al personale. Read more...
   |   

Purtroppo dobbiamo rilevare che il provvedimento del 05.09.2012, a parere di questa O.S., non è conforme alle linee generali indicate nelle vigenti disposizioni ministeriali.

OGGETTO: Organizzazione degli Uffici della Sezione Polizia Stradale di Prato.

 

Al Dirigente il Compartimento Polizia Stradale della Toscana        

= FIRENZE =

Con nota provvedimento prot.12.6306/110A-2 del 05/09/2012, che ad ogni buon fine si allega  alla presente,  il Dirigente la  Sezione Polizia Stradale di Prato informava  questa O.S. di aver disposto ulteriori modifiche strutturali all’organizzazione degli uffici con contestuali cambiamenti di  incarico del personale interessato “a causa di sopraggiunte esigenze organizzative” .

Si tratta del terzo provvedimento organizzativo adottato d’ufficio nel giro di poco più di due mesi.

L’organizzazione in questione, ripropone  una suddivisione in due settori senza la specifica individuazione della figura del coordinatore  degli stessi sebbene, in ciascuno di essi,  sia presente  un ispettore al quale vengono attribuite  mansioni di   Capo Ufficio o responsabile di più articolazioni interne.

Anche per quanto riguarda il  personale addetto   risultano uffici ai quali è preposto un solo operatore ed altri dove compaiono le medesime persone, cioè duplici assegnazioni d’ufficio e, in alcuni casi,  è prevista per i medesimi una disposizione di subentro, cioè in caso di assenza del preposto lo stesso personale è tenuto sopperire anche alle incombenze di altri uffici e settori. 

Notiamo, altresì, che alcuni uffici del secondo settore, al contrario del primo,  presentano un consistente numero di personale assegnato,   la copresenza di  appartenenti al ruolo ispettori e/o sovrintendenti  nonché  personale aggregato,  con qualifica di agente Scelto.

Inoltre il suddetto provvedimento risulta carente anche dell’indicazione del personale assegnato ai servizi di vigilanza stradale e della caserma. A cui risulterebbe assegnato un solo operatore del ruolo dei Sovrintendenti ed il restante personale del ruolo agenti/assistenti. In particolare abbiamo appreso, con profondo stupore,  che il predetto Ufficiale di P.G. nell’ultimo periodo viene comandato di servizio, nei turni serali e notturni, anche come operatore di giornata addetto alla vigilanza della caserma.

La situazione rappresentata ha destato in questa O.S. qualche preoccupazione, pertanto, siamo stati  costretti ad analizzarla ritenendo doveroso sollevare  alcune riflessioni che andiamo di seguito ad enunciare.

La prima riguarda le scelte strutturali attuate con il suddetto  provvedimento organizzativo interno che,  a nostro avviso,  non rispondono a logiche gestionali funzionali e potrebbero generare disservizi e confusione  nei colleghi interessati. Per questo motivo riteniamo doverosa e necessaria  una Sua autorevole verifica e valutazione di quanto rappresentato che tenga in considerazione delle carenze di organico, degli effettivi carichi di lavoro delle varie articolazioni interne e soprattutto delle responsabilità assegnate a ciascuno, il tutto  nel rispetto delle mansioni previste per i vari ruoli  interessati.

La seconda di carattere amministrativo in quanto col provvedimento in questione  vengono disposti d’autorità cambiamenti di incarico e/o assegnazioni multiple ad uffici  adducendo quale motivazione  generiche  “esigenze organizzative”.

In merito non possiamo esimerci dal  richiamare le circolari ministeriale N.555/PERS/12207/5.V-3  e N.333-A/9803.A.5, datate rispettivamente 20dicembre 2006 e 23/03/2007,  inerenti il “mutamento interno di incarichi e funzioni dei dipendenti della Polizia di Stato”  che, chiariscono ogni ragionevole dubbio circa il dovere di motivazione previsto dall’art.3 della legge 241/90 disponendo testualmente che “ il trasferimento ad altro incarico nello stesso ufficio o, comunque, nell’ambito della stessa sede di servizio del personale della Polizia di Stato non potrà essere motivato solo con il riferimento a generiche esigenze di servizio ma occorrerà dare contezza in modo puntuale delle ragioni che lo hanno determinato”. 

Purtroppo dobbiamo rilevare che Il provvedimento del 05.09.2012 , sempre a parere di questa O.S.,  non  è conforme alle linee generali indicate nelle suddette  disposizioni ministeriali.

La terza relativa alla rivendicazione di  criteri di equità  da seguire nelle scelte  del personale da aggregare ed eventualmente assegnare alle varie articolazioni interne affinché venga data  a tutti i colleghi che lo hanno richiesto l’opportunità di arricchire il proprio bagaglio professionale con esperienze lavorative diverse . Ci riferiamo al fatto che ci risulta via sia personale,  sia con la qualifica di sovrintendente che quella apicale del ruolo agenti/assistenti,   le cui istanze di assegnazione  interna, prodotte nel corso di vari anni,  vengono   sistematicamente rinviate a valutazioni future.

Per quanto sopra, con lo spirito costruttivo che da sempre caratterizza l’operato di questa O.S. provinciale,   siamo a chiederLe un Suo autorevole intervento affinché la situazione rappresentata rientri nei canoni della normalità riservandoci di valutare eventuali azioni sindacali successive a tutela della categoria.

Certi di un Suo autorevole interessamento restiamo in attesa di  determinazioni in merito.

Cordiali saluti.

    Prato lì 17 ottobre 2012                                Il Segretario Generale Provinciale

                                                                                       SIULP PRATO

                                                                                   Vassallo Vincenzo 

Chi è online

Abbiamo 84 visitatori e nessun utente online

Convenzioni

Convenzioni Siulp

modello 730

futura vacanze

Fondazione Sicurezza e Libertà

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione Cookie